ALEZIO - Città messapica dell'entroterra salentino a pochi chilometri da Gallipoli
Alezio - La Storia  
Le origini di Alezio, situato in una zona di lievi alture calcaree, vengono fatte risalire al periodo messapico. Infatti moltissimi reperti, venuti alla luce durante diverse campagne di scavi, ci fanno presumere che l'antica Alexsias messapica, oppure Alytia dal nome della madre patria nella reg ione dell'Acarnania, doveva avere una certa importanza tanto che, successivamente, scrittori
l'arte ad Alezio  
Vogliamo ora far parlare di un personaggio sconosciuto, tale Matteo Perez , pittore ed incisore, che nella sua vita si è riempito di onore e gloria, facendo grandi opere prima nella bottega di Michelangelo, dove crebbe artisticamente e poi all'estero dapprima a Malta e successivamente in Sud America. Di lui si conserva un ritratto fattogli da Giacomo Palma il giovane a New York.
 
 
Festa della Lizza
Patrona di Alezio è la Madonna dell'Assunta che si festeggia il 15 agosto. Nello stesso periodo si svolge una importante fiera che fu istituita il 25 luglio 1810 da Gioacchino Napoleone allora re delle Due Sicilie, che tolse dazi e gabelle per gli otto giorni in cui si svolgeva la fiera.
Un tempo era diffuso tra le donne che rendevano omaggio alla Vergine l'usanza di giungere a piedi camminando sulle
 
Ville Aletine
A partire dagli inizi del 1700, come abbiamo già prima detto, vi fu una riorganizzazione dell'habitat rurale che si concretizzò nella realizzazione di aristocratiche residenze campestri usate dalla nobiltà di Gallipoli per trascorrere lunghi periodi di villeggiatura, quindi ville, casine e casini caratterizzarono il paesaggio. Il fattore comune è l'esaltazione del giardino chiuso, interpretazi
 
©